Suggerimenti sul pedaggio GO

  • Prima di mettersi in viaggio si informi per tempo sull’obbligo di pedaggio vigente in Austria e sull’uso e il funzionamento del GO-Box.
  • Non dimentichi: L’obbligo di pedaggio si applica già dal confine di Stato, ovvero dalla prima rampa d’ingresso alle autostrade e superstrade!
  • Per qualsiasi chiarimento non esiti a contattare l’ASFINAG Service Center.
  • Se necessario, sfrutti la possibilità del pagamento in via posticipata del pedaggio:
    • Entro 5 ore e nel raggio di 100 km presso un punto vendita GO o presso gli organi preposti al controllo.
    • Entro 96 ore, in caso di utilizzo di una categoria inferiore (numero di assi) o di una classe di emissioni EURO errata, telefonicamente con l’ASFINAG Service Center, online nel SelfCare Portal o con l’ASFINAG App.
  • In caso di emergenza: Provveda al pagamento dei pedaggi sostitutivi regolarmente ed entro i termini previsti. In questo modo eviterà l’avvio di costose procedure penali amministrative.
  • Nell’eventualità di sanzioni amministrative sarà contattato dalle autorità amministrative distrettuali competenti per il Suo caso. In seguito le autorità competenti saranno il Suo referente per tutte le questioni attinenti al procedimento.

Prendiamo sul serio le Sue richieste. Eventuali proposte di miglioramento, ma anche reclami relativi a richieste di pagamento di pedaggi sostitutivi saranno da noi esaminati con la massima attenzione. La scadenza di pagamento rimane comunque valida anche nel caso sia stato presentato un reclamo.

Controllo del pedaggio

Controllo automatico

Il controllo automatico avviene mediante videocamere di controllo applicate sui caselli autostradali. Le videocamere sorvegliano il corretto pagamento del pedaggio senza interferire con il flusso del traffico. Tutti i veicoli che passano vengono automaticamente assegnati alla loro categoria in base al numero di assi, dopo di che viene controllato il corretto pagamento del pedaggio. Inoltre ci sono dispositivi di controllo portatili, che di tanto in tanto vengono cambiati di posto.

Se il controllo automatico rileva qualcosa di sospetto, viene trasmessa un’immagine del veicolo in questione alla centrale di controllo della ASFINAG (Enforcement Center) e viene eseguito un controllo manuale. A seconda dell’esito del controllo, il materiale fotografico viene eliminato oppure viene inoltrata l’informazione agli organi di controllo dei pedaggi ovvero inviata una richiesta di pagamento di un pedaggio sostitutivo.

Controllo manuale

L'Enforcement Center lavora a stretto contatto con i collaboratori del servizio di assistenza e controllo. Maggiori informazioni sul servizio di assistenza e controllo ASFINAG e sulle loro competenze ...

Gli organi preposti al controllo dei pedaggi controllano il rispetto dell’obbligo di pagamento del pedaggio nelle aree di controllo del traffico e nelle aree di parcheggio, ma anche nel flusso della circolazione.

Il servizio di assistenza e controllo della ASFINAG

Gli addetti del servizio di assistenza e controllo della ASFINAG (in breve “Organi di controllo dei pedaggi”) sono organi di pubblica sorveglianza. Sono formati nei centri di formazione degli organi di pubblica sicurezza e sono legittimati dalle autorità amministrative distrettuali. Hanno distintivi di servizio che esibiscono a richiesta.

Nei loro viaggi di servizio gli organi di controllo dei pedaggi sulla rete stradale principale sono disponibili anche ad offrire consulenza, assistenza e informazioni (primo soccorso, protezione in caso di incidente e code, ecc.).

Competenze

Competenze degli organi di controllo dei pedaggi regolamentate dalla legge

Gli organi di controllo dei pedaggi sono autorizzati a ...

  • fermare i conducenti di automezzi con segnali chiaramente visibili o udibili (per es. con luci blu, paletta, scritta luminosa sul retro del veicolo di controllo;
  • verificare l’identità del conducente e del titolare dell’immatricolazione;
  • controllare il veicolo, l’apparato di bordo (GO-Box) o l’applicazione della vignetta, il tachigrafo, il contachilometri e il cronotachigrafo;
  • chiedere e riscuotere pagamenti di pedaggi sostitutivi;
  • impedire ai veicoli di proseguire il viaggio ponendo in atto misure adeguate (per es. ganasce alle ruote, ritiro dei documenti del veicolo);
  • porre in atto misure per l’avvio di un procedimento di applicazione di una sanzione amministrativa e riscuotere per conto delle autorità una cauzione provvisoria.